IMU – TASI

IMU e TASI

L’IMU, imposta municipale unica, è l’imposta che sostituisce l’ICI e che grava su tutti i fabbricati e i terreni agricoli nei comuni non montani. Dal 2012 sostituisce la vecchia ICI e nel 2013 viene affiancata dalla TASI, la Tassa sui servizi indivisibili. La Tasi regola in maniera esclusiva la tassazione sugli immobili adibiti ad abitazione principale, e può sommarsi all’IMU sugli immobili con diversa destinazione nei comuni in cui l’aliquota IMU non è massima ( 1,06%) e nei quali la doppia tassazione è determinata per delibera. In alcuni comuni è previsto che parte della Tasi sugli immobili locati sia pagata dagli inquilini.

Le aliquote vengono stabilite da ogni comune con delibera annuale.

La base di calcolo per stabilire l’imposta dovuta è la rendita catastale di ogni fabbricato. Se non conosci la rendita catastale o vuoi una visura aggiornata puoi consultare il nostro servizio

Visura catastale

 

 

La scadenza per pagare l’acconto di IMU e TASI è fissata al 16 giugno di ogni anno, mentre il saldo va pagato entro il 16 dicembre.

Ricapitolando:

Tasi —> abitazione principale  e fabbricati diversi dall’abitazione principale nei comuni dove previsto

Imu —> fabbricati diversi dall’abitazione principale

Al pari di ciò che accadeva per l’ICI, il ravvedimento operoso è applicabile anche all’IMU. Perciò chi non è riuscito a pagare entro il termine l’imposta dovuta, potrà in ogni caso farlo pagando una  sanzione calcolabile in questi termini:

  • maggiorazione dello  0,2 % per ogni giorno di ritardo fino al 14esimo
  • maggiorazione del 3 % se il pagamento viene effettuato tra il 15esimo e il 30esimo giorno successivo
  • maggiorazione del 3,75 % se il pagamento sarà effettuato entro un anno dalla scadenza.

I nostri uffici sono a disposizione per il calcolo dell’imposta e l’elaborazione dei modelli F24 attraverso i quali poterla pagare.

Per informazioni e appuntamenti chiama lo 0108996161 o scrivi a info@genovacaf.it